Vallefoglia – Acqua&Sapone

Pala Dionigi

Vallefoglia

2
sconfitta
3
vittoria
Palazzo dello Sport

Acqua&Sapone

Serie A1 Aprile 3, 2022 - 5:00 pm
Pala Dionigi

Risultati

Team12345T
Vallefoglia23252519122
Acqua&Sapone25191825153

Riepilogo

Una prova a tratti non all’altezza della posta in palio, porta comunque la vittoria dopo oltre due ore di gioco contro la Megabox Ondulati Del Savio Vallefoglia 2-3 (23-25; 25-19; 25-18; 19-25; 12-15). Non bastano i due punti conquistati all’Acqua & Sapone Roma Volley Club per restare nella massima serie. Ancor prima dei punti conquistati da Perugia sul campo di Casalmaggiore è stato il 2-1 a favore di Vallefoglia a condannare Roma. Partita col piede giusto, Roma si smarrisce nei successivi parziali, perdendo il punto che avrebbe mantenuto ancora per un po’ l’esile speranza di salvarsi. Nel quarto e quinto set, contro una Megabox con diverse riserve in campo, le giallorosse ritornano prima in parità e poi affondano il colpo al tie-break.
A fare la differenza, alla fine, è stata la prova di Trnkova dal centro (14 punti) e l’opposta Klimets, MVP e autrice di 15 punti. Non sono bastati i 29 punti totali messi a segno da Carcaces e Bjelica per impedire alle romane di portarsi a casa la gara.

Per il gruppo guidato in panchina da coach Andrea Mafrici, al di là del risultato maturato a Urbino, il penultimo posto in classifica porta la retrocessione in A2. Ad un anno dalla storica promozione nella massima categoria, il club è costretto a riaprire un nuovo ciclo con il medesimo obiettivo dell’anteriore, portare a Roma il grande spettacolo del campionato più bello del mondo.

Bonafede schiera Berasi e Bjelica sulla diagonale principale, Carcaces e Newcombe le schiacciatrici, al centro Mancini e Jack-Kisal, Cecchetto è il libero. Risponde coach Mafrici schierando in campo Bugg opposta a Klimets, Stigrot e Arciprete in posto quattro, al centro Trnkova e Cecconello, il libero è Venturi.

1° set Le due formazioni iniziano a battagliare sin dall’avvio: Arciprete d’astuzia e poi un fallo delle biancoverdi consegna a Roma il primo vantaggio di +2 (2-4). Con Jack-Kisal in fast, le padrone di casa riagganciano (4-4). Il ritmo del gioco è serrato in entrambe le metà campo: da una parte la coppia giallorossa Arciprete-Cecconello va a segno a muro (8-11), dall’altra Mancini e Bjelica a ristabilire con la forza la parità (11-11). Da lì Vallefoglia affonda il colpo e il divario a +5 (21-16), fino a quando la musica cambia. Roma continua la sua rincorsa, trova l’aggancio e mette la freccia con l’attacco di Stigrot. È suo il primo set point (23-24): il servizio di Klimets mette la ricezione di casa in difficoltà e le Wolves si vanno a prendere il primo parziale (23-25).

2° SET Stesse interpreti in campo per Roma, Bonafede ricomincia con Kosareva. Vallefoglia cerca subito di scappare mettendone a segno 4 consecutivi (4-0). Non basta il colpo lungo di Klimets per invertire l’inerzia del match (10-3). Coach Mafrici ci prova, rimescolando le carte sostituendo una Bugg in difficoltà alla regia: tuttavia, nemmeno l’ingresso di Avenia sembra sortire cambiamenti nel contrattacco giallorosso con Vallefoglia determinata ad accelerare in ogni fondamentale (17-5). A set ormai compromesso qualcosa cambia nella metà campo giallorossa, ma non basta per impedire alle padrone di casa di prendere margine e pareggiare il conto con un’azione offensiva di qualità in attacco firmata da Kosareva e Carcaces (25-19).

3° SET Vallefoglia inizia forte sulla scia del set precedente e nella metà campo romana la prima reazione arriva dal centro con Trnkova (5-3). Ancora i muri di Jack-Kisal aggiungono punti sul parziale di casa (10-5). Si alza il ritmo della contesa e della difesa romana che in tutti i modi cerca di contenere la forza delle biancoverdi sempre più vicine a siglare anche questo set (20-12). L’impresa si rivela prima vana e poi impossibile con la squadra marchigiana a tirare dritta senza guardarsi più indietro (25-18).

4°SET Nonostante l’ormai matematica retrocessione, Roma torna in campo con l’intenzione di prendersi almeno la vittoria, partendo (0-5). Entra Decortes su Klimets, per Vallefoglia Botezat e Tonello su Mancini e Jack-Kisal, Alenko su Berasi, mentre le squadre procedono appaiate. La veloce avanti di Cecconello e l’attacco d’astuzia di Klimets permettono a Roma di mettere la testa avanti sul parziale (10-12). Il margine viene mantenuto da Roma con alcune buone giocate difensive di Venturi e compagne (16-20). La potenza di Kosareva e la distribuzione di Alenko non bastano. Roma torna in parità (19-25), protraendo la contesa fino al tie-break.

5° SET Vallefoglia rientra in campo con maggior aggressività (5-1). Sul tentativo di fuga, le padrone di casa sono costrette a fare i conti con i muri e gli attacchi di Trnkova (6-5). A rincarare la dose il muro di Cecconello su Tonello (8-11). Bjelica e compagne ci provano fino all’ultimo, guidate da Kosareva, ma è Roma a prendersi il quinto set (12-15), vincendo per 2-3 la sua ultima gara in serie A1.

Anna Klimets, opposta dell’Acqua & Sapone Roma Volley Club e MVP della gara:
“Grazie per i complimenti, ma siamo tristi perché era l’ultima chance. Non so perché non siamo riuscite a fare meglio però la Megabox ha giocato molto bene sia mercoledì che oggi. Sono vicina alle lacrime perché il mio cuore è spezzato. mi sono trovata davvero molto bene a Roma che è una città fantastica, ringrazio tutti i fan. Spero che il gruppo l’anno prossimo faccia di tutto per tornare subito in A1”

La classifica finale dice che Conegliano è prima con 66 punti e 23 vittorie come Novara, ma con un miglior quoziente set. Ultima è Trento con 19 punti e 6 vittorie, penultima è Roma che, sebbene chiuda a 7 vittorie come Perugia, Casalmaggiore e Bergamo, si è fermata a 19 punti, divenendo così la seconda squadra retrocessa in serie A2 di questa stagione.

Megabox Ondulati del Savio Vallefoglia  – Acqua & Sapone Roma Volley Club 2-3 (23-25; 25-19; 25-18; 19-25; 8-12)

Megabox Ondulati del Savio Vallefoglia: Berasi 2, Carcaces 19, Mancini 7, Bjelica 24, Newcombe 5, Jack-Kisal 10, Cecchetto (L), Kosareva 14. Botezat 2, Fiori (L), Tonello 1. Ne Kosheleva. All. Bonafede

ACQUA & SAPONE ROMA: Bugg 4, Trnkova 14, Cecconello 7, Stigrot 15, Klimets 15, Venturi (L), Bucci (L), Avenia, Arciprete 15, Decortes 1. Ne Rebora, Rebora. All. Andrea Mafrici

Impianto: Palazzetto di Urbino

Spettatori: 317

Arbitri: Piperata Gianfranco, Turtù Marco

Durata: 31’, 28’, 25’, 26’, 17. Tot 2h17

MVP: Anna Klimets

Campo

Pala Dionigi
Via Indipendenza, 53-33, 61020 Montecchio PU

Il proseguimento della navigazione sul sito sarà inteso come accettazione automatica dell'uso dei cookie. maggiori informazioni

Il proseguimento della navigazione sul sito sarà inteso come accettazione automatica dell'uso dei cookie.

Chiudi