Acqua&Sapone – Olbia

Palafonte

Acqua&Sapone

3
vittoria
1
sconfitta
Geopalace

Hermaea Olbia

Serie A2 Gennaio 17, 2021 - 5:00 pm
Palafonte

Risultati

Team1234T
Acqua&Sapone252825253
Olbia183020121

Riepilogo

 

Roma bissa l’andata contro Olbia (3-1). 
Sul taraflex del Pala Fonte, la capolista replica il parziale conquistato a Golfo Aranci nel turno di andata. In quattro set ((3-1 25-18; 28-30; 25-20; 25-12) supera la Geovillage Hermaea Volley e vola a 40 punti, ancora in vetta alla classifica provvisoria. Una partita non facile che, come nell’andata di mercoledì scorso, ha raggiunto la massima difficoltà nel secondo set per poi distendersi nel ritmo e vedere le capitoline raggiungere con fluidità l’atto finale.
Cristofani schiera Guiducci e Decortes sulla diagonale principale, Consoli e Rebora al centro, Papa e Arciprete le schiacciatrici. Spirito è libero. Dall’altra parte, Giandomenico sceglie Zonta opposta alla regista Stocco, le schiacciatrici sono Joly e Ghezzi, al centro Barazza e Angelini, Caforio è libero.
1° SET Un errore di Guiducci al servizio viene subito risolto dal mani out di Papa (1-1), colpo che viene tradotto in punto anche da Arciprete (2-1).  Decortes mette a referto il suo primo punto da “romana”, svettando sulle dita del muro gallurese (3-1). Poi Rebora ricorda che al servizio è una sentenza con un ace che schizza sugli avambracci delle sarde (4-2). L’avanzata romana provoca subito una reazione delle sarde con Joly che mette in difficoltà in attacco accorciando di poco le distanze (5-3). Anche Barazza in prima linea fa attrito alle romane (7-5) a cui risponde Consoli che mette la sua prima firma in questo parziale iniziale grazie a una fast micidiale (8-5). Ghezzi sbaglia in battuta (9-6) e poi va a segno su Spirito (15-10). Il riaggancio delle sarde sta prendendo forma, ma Roma non ci sta e scappa con Arciprete che sceglie il mani out (16-10). Stocco serve fuori e Consoli subito dopo trova l’ace in questa sua gara da titolare (18-11). Joly ancora tira a tutto braccio: prima senza trovare le dita capitoline (19-13), poi andando a segno (19-14). Decortes sbanca al Pala Fonte, sia nella sua posizione che da posto quattro (20-14). Entra anche Giugovaz al servizio. Nell’altra metà campo, Giandomenico scegle il servizio insidioso di Minarelli: fa due ace consecutivi e riporta le sue sotto di 3 (20-17). Ancora Decortes accelera la rincorsa e con una sferzata in attacco trova il +4 (21-17). Non ci sono dubbi: Joly è sempre più una spina nel fianco di Roma (21-18). Ace al servizio per Decortes che la fa cadere corta davanti ai piedi di Minarelli (24-18). Spirito difende, Decortes ricostruisce e Arciprete col goniometro la mette nell’angolo di fondo campo (25-18). Il primo set è di Roma.
2° SET: Il primo punto è di Rebora (1-0). Guiducci difende una palla difficilissima, ma Decortes, per ricostruirla, fa fallo in palleggio: subito dopo si fa perdonare mettendola con forza sulla linea di fondo campo (2-1). Continua l’avanzata di Roma: Papa ace su Joly (4-1) e a seguire la fast di Rebora scivola dietro a Caforio che nulla può contro il centrale “romano” (5-1). Il braccio di Decortes è caldissimo e, sulla ricostruzione di Spirito, vola in alto e la scaraventa a terra (6-1).  La prima reazione è di Ghezzi che non ci sta e mette a segno un mani out (8-4) e subito dopo Barazza che la taglia trovando il 9-6. Consoli urla fast e dall’intesa con Guiducci ne esce una palla da manuale (11-07). Olbia resta attaccata con tre distanze di differenza da Roma (11-8), che diventano 2 con l’ace di Ghezzi (11-9). Papa alza la voce: dalla sua postazione di attacco riporta le sue in vantaggio di tre (12-9). Evidentemente a Zonta non deve essere andata giù: la mura e segna il -2 (12-10). Olbia accorcia definitivamente le lunghezze che separano le due formazioni sul tabellone (13-12). Ma Decortes a muro ancora una volta ripristina le distanze (15-12). Ghezzi sale ancora in alto e supera il muro di Diop entrata su Guiducci (17-14). Minarelli torna a infastidire Roma al servizio (18-15). Le azioni si diluiscono, ma Roma ha sempre la meglio (19-15). Entra Purashaj che serve a una Papa inarrestabile (20-16). Ghezzi in pipe trova l’angolo (20-18). Olbia si accende e in difesa non lascia cader nulla, fino a che la palla non passa per il mancino di Diop che trova il mani out (21-18). Rientra Decortes e, come nel primo set, trova un altro punto mozzafiato (22-18). Tutte le Wolves si elettrizzano sul 23-18. Joly la tira talmente forte che la palla schizza quasi sugli spalti, dimostrando che la voglia di riagganciare le romane c’è (23-19). Cristofani chiama il time-out ricordando alle sue di non mollare proprio ora. Al rientro, dopo una serie di lunghe azioni, il centrale Angelini mura Decortes (23-22). Fino al momento del riaggancio definitivo: Joly la tira e trova la parità 23-23. E poi 24-24. Ma Arciprete trova il pertugio nel muro e tira cercando il punto (25-24). Al Pala Fonte succede l’incredibile. Un’azione infinita finisce sul destro di Decrotes che la schianta out (25-25) e poi ancora il valzer dei vantaggi come l’andata: Consoli in fast (27-27), Joly sbaglia (28-27) poi il muro di Olbia che frena Diop (28-28). Una storia infinita, solo per cuori forti. Di nuovo il sorpasso di Olbia: 28-29. Stocco in battuta, ma un’incomprensione fra Guiducci e Consoli cede il punto decisivo per il set a Olbia che porta a casa il secondo parziale (28-30).
3° SET Al PalaFonte continuano a vedersene delle belle con Roma che guida a +1 (4-3) dopo un incredibile recupero di piede di Papa che purtroppo non si traduce in punto. È subito parità (4-4). Decortes tira fuori tutta l’esperienza e sfrutta le mani alte del muro avversario trovando il punto del sorpasso (5-4). Il ritmo si rifa alto e la formazione di casa teme il ripetersi del set precedente: Olbia supera le Wolves e si porta a +2 (6-8), ma a sua volta la coppia Consoli-Guiducci mura l’avanzata sarda (7-8). Il distacco di Olbia si mantiene a +3 dal 7-10 al 9-12 firmato da una Barazza efficace. Le azioni si diluiscono e ha la meglio chi resiste più a lungo. Con il braccio di Joly (10-13) Olbia continua il suo percorso fino a quando Decortes inizia a riaccorciare le distanze grazie al servizio (12-13). Il riaggancio di Roma si realizza sul 14-14. Il libero bianco-blu Caforio si fa trovare in ogni angolo del campo, ma il muro di Roma con Rebora si riporta avanti di +1 (16-15). Sembra che tanto Spirito quanto Caforio vogliano proprio non far cadere nulla. Anche Consoli, in seconda linea, si improvvisa libero con tre difese consecutive pur non riuscendo a defibrillare anche la quarta palla che si schianta proprio alle sue spalle (16-16). Roma con Papa e Guiducci torna su, di morale e sullo score (18-16). Caforio continua ad essere una certezza per Olbia, rendendo le cose più difficili per l’offensiva romana. Sul 20-19: la sfida è ancora aperta. È il muro a uno di Arciprete che le padrone di casa tornano a respirare (23-19). Con Rebora in battuta, il muro di Consoli e Arciprete, Roma fa lo scatto finale: 24-19. Ancora Arciprete concentra nel suo braccio tutta l’energia utile a conquistare anche il terzo set (25-19).
4° SET Anche il quarto set inizia sul filo della parità (2-2) e i primi scambi fanno presagire una reazione delle sarde. Perlomeno fino a quando il muro-punto di Consoli fa vibrare tutto il PalaFonte (7-3). La segue il capitano Papa che sale in cattedra sferrando un attacco ficcante (8-4) e poi con un ace dalla linea di fondo campo (11-06). Roma sembra essersi buttata alle spalle i set precedenti e gira alla perfezione in tutti i fondamentali: con la sbracciata lunga di Arciprete vola (13-6) e la forza di Rebora vola a + 9 (15-6). Il + 10 (16-6) porta la firma del capitano giallo-rosso. Stocco in battuta provoca qualche fastidio alla ricezione romana (19-09). Non tarda ad arrivare la reazione delle Wolves che con Rebora si avvicinano repentinamente all’atto finale (20-9). Nonostante le distanze, Olbia stringe i denti e costringe le romane a lottare per ogni pallone: Arciprete supera tutte le avversità e tira fuori un pallonetto eseguito da manuale che segna il 21-9. Entra la coppia Purashaj-Diop e sullo score il punteggio corre fino al 23-12. Prima Papa (24-12) e poi Consoli (25-12) chiudono la gara che replica il parziale dell’andata e decreta la tredicesima vittoria delle Wolves in questa fase di regular season.

ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY CLUB: Guiducci 1, Papa 13, Arciprete 17, Rebora 13, Spirito (L), Decortes 22, Purashaj, Diop 1, Consoli 12, Giugovaz. Non entrate: Adelusi, Bucci (L2). All. Luca Cristofani.

GEOVILLAGE HERMAEA OLBIA: Stocco 1, Joly 21, Ghezzi 12, Angelini 3, Barazza 7, Caforio (L), Minarelli 3, Zonta 5, Poli 3 ne. Korhonen, Nenni, Martis. All. Emiliano Giandomenico.

Campo

Palafonte
Via Roberto Ferruzzi, 112, 00143 Roma (RM)

Il proseguimento della navigazione sul sito sarà inteso come accettazione automatica dell'uso dei cookie. maggiori informazioni

Il proseguimento della navigazione sul sito sarà inteso come accettazione automatica dell'uso dei cookie.

Chiudi